Antenne.....elettrosmog - HB9OBX

Vai ai contenuti

Menu principale:

Antenne.....elettrosmog

Hobby della radio


Come risaputo, non esiste trasmissione radio senza l'ausilio di antenne piccole, grandi o nascoste come ad esempio quelle degli smartphone.

Negli ultimi anni si è fatta un po’ la caccia alle streghe dettata anche dalla fobia amplificata a dismisura dai media, delle antenne GSM la quale provocherebbero seri problemi alla salute...dicono!
Ora, da subito va rilevato che come in tutto al mondo e durante la vita, andrebbe usato il buon senso, informandorsi maggiormente sulle proprie scelte per non farsi poi sopraffare dai pregiudizi e da chiacchere inutili.

Mi spiego: - quasi più nessuno ad esempio intende rinunciare ai mezzi di trasporto privati, viaggi in aereo, ecc. ma tutti si lamentano per il rumore e l'inquinamento che provoca, daneggiando la salute a tutti.
- Idem con le centrali atomiche che detestiamo un po’ tutti anche per il loro futuro infausto, ma ormai nessuno vuole rinunciare all'energia elettrica.
- Che l'alcool e il tabacco in particolare siano dannosi per la salute è scientificamente provato, tuttavia se ne fa largamente uso senza che le autorità mettano freno al consumo...ecc.
- Questo vale anche per la telefonia mobile in genere, se abusato, oltre in parte a tutti gli elettrodomestici accesi in casa che emettono pure loro un piccolo campo magnetico tipo rasoio elettrico, frullatore o lavastoviglie, micronde, ecc.

Pertanto il legislatore ha pensato di mettere dei paletti per evitare al massimo l'esposizione alle onde elettromagnetiche, attraverso la RORNI (Regolamento di applicazione dell' Ordinanza federale sulla protezione da radiazioni non ionizzanti del 23.12.1999 ).
Questo vale per i gestori di telefonia mobile e li sono molto severi, come pure per noi radioamatori dove pero c'è qualche tolleranza dato che usiamo di regola frequenze non elevate e la trasmissione non è continua senza superare le 800 ore annue ( art. 71 cap.1).



La tabella seguente dimostra l'attenuazione del campo magnetico trasmesso in relazine con la distanza dell'antenna:

Distanza dell'antenna in mt.        attenuazione             esposizione a radiazioni non ionizzanti in%, ppm                  modo più comprensibile

      0.1                                           0 db                                               100%                                                                  uno
      0.320                                     -10 db                                                 10%                                                               un decimo   
     1                                           -20 db                                                  1%                                                              un centesimo
     3,20                                       -30 db                                                0.1%                                                             un millesimo
     10                                          -40 db                                             0.0001%                                                        un decimillesimo
     32                                        - 60 db                                               10 ppm                                                        un centomillesimo
    100                                        - 80 db                                                 1 ppm                                                          un millionesimo
    320                                       - 100 db                                              0.1 ppm                                                   un decimo di millionesimo
   1000                                      - 120 db                                             0.01 ppm                                                 un centesimo di millionesimo

Quindi si deduce che nello spazio libero senza alcun ostacolo, la potenza varia inversamente proporzionale al quadrato della distanza.

Esempio: se io da radioamatore utilizzo un' antenna posta a 10 metri di distanza con 100 W di potenza emessa dalla mia radio durante la trasmissione, crea un impatto elettromagnetico pari a 10 volte minore che un cellulare di ca. 1 W posto vicino all'orecchio.


.... segue
Torna ai contenuti | Torna al menu